La catechesi del giorno di Tiziana, Apostola della Vita Interiore

riflessioni sulla prima lettura di Mercoledì 3 Febbraio 2021 (Eb 12, 4-7. 11-15)

February 03, 2021 Tiziana, Apostola della Vita Interiore Season 7
La catechesi del giorno di Tiziana, Apostola della Vita Interiore
riflessioni sulla prima lettura di Mercoledì 3 Febbraio 2021 (Eb 12, 4-7. 11-15)
Chapters
La catechesi del giorno di Tiziana, Apostola della Vita Interiore
riflessioni sulla prima lettura di Mercoledì 3 Febbraio 2021 (Eb 12, 4-7. 11-15)
Feb 03, 2021 Season 7
Tiziana, Apostola della Vita Interiore

- Premi il tasto PLAY per ascoltare la catechesi del giorno e condividi con altri se vuoi -


+ Dalla lettera agli Ebrei +

Fratelli, non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato e avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli:
«Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore
e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui;
perché il Signore corregge colui che egli ama
e percuote chiunque riconosce come figlio».
È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.
Cercate la pace con tutti e la santificazione, senza la quale nessuno vedrà mai il Signore; vigilate perché nessuno si privi della grazia di Dio. Non spunti né cresca in mezzo a voi alcuna radice velenosa, che provochi danni e molti ne siano contagiati.

Amen.

Show Notes

- Premi il tasto PLAY per ascoltare la catechesi del giorno e condividi con altri se vuoi -


+ Dalla lettera agli Ebrei +

Fratelli, non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato e avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli:
«Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore
e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui;
perché il Signore corregge colui che egli ama
e percuote chiunque riconosce come figlio».
È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.
Cercate la pace con tutti e la santificazione, senza la quale nessuno vedrà mai il Signore; vigilate perché nessuno si privi della grazia di Dio. Non spunti né cresca in mezzo a voi alcuna radice velenosa, che provochi danni e molti ne siano contagiati.

Amen.