Bank Station – Economia e Finanza

La mia grossa grassa crisi – La crisi greca – Parte II

March 25, 2021 Bank Station Season 2 Episode 2
Bank Station – Economia e Finanza
La mia grossa grassa crisi – La crisi greca – Parte II
Chapters
Bank Station – Economia e Finanza
La mia grossa grassa crisi – La crisi greca – Parte II
Mar 25, 2021 Season 2 Episode 2
Bank Station

Pochi giorni dopo le elezioni, Papandreou ricevette la vera eredità lasciatagli dai suoi avi. Non il partito PASOK, ma un segreto.

Un segreto terribile che se rivelato avrebbe distrutto l’immagine del paese.

Papandreou capì allora che le promesse che aveva fatto al popolo greco non sarebbe riuscito a mantenerle. Era solo una questione di tempo, il momento della verità sarebbe presto arrivato.

Quel momento arrivò in Lussemburgo, qualche giorno dopo le elezioni.

Il ministro delle finanze greco si trovava ad una riunione con gli altri membri dell’Eurogruppo. Aveva chiesto la parola e sarebbe stato il prossimo ad intervenire.

Arrivò il suo turno. Si alzò in piedi. Tutti quanti si zittirono. Fece un grosso respiro. Prese il microfono…

...e confessò.

Così comincia la seconda parte della storia della crisi economica greca.
 
Conoscere questa storia aiuta moltissimo a capire certe decisioni che sono state prese in questi mesi dall'Italia e dagli altri paesi europei per affrontare la crisi economica di oggi.
 
La crisi finanziaria della Grecia è stata la prima vera crisi che il blocco europeo ha dovuto affrontare. E si sa, è nei momenti di crisi che il sistema viene messo a nudo. I nodi vengono al pettine, i problemi non possono più essere ignorati, gli anelli deboli si rompono e se non si lavora in fretta, e soprattutto se non si lavora in team, il sistema collassa.
 
Si tratta quindi di un tassello di storia economica da cui l’Europa ha imparato molto: i vantaggi e i limiti della moneta comune, i pro e i contro delle misure di austerità, e ha anche dovuto confrontarsi con le profonde differenze culturali ed economiche dei paesi che la compongono.
 
Alla fine di questa serie di episodi avrete chiari tutti gli avvenimenti che hanno portato al disastro greco del 2010, e le misure che sono state adottate per risolverlo. Questo vi permetterà di capire come funzionano i vari componenti del meccanismo europeo, e di come intervengono nei momenti di difficoltà.
 
Siamo Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci, and the next stop is... Bank Station
 
Crediti:
 
Testo di Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci
 
Voci: Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci
 
Sound design a cura di Andrea Roccabella
 
Fonti:
 
-Ardagna, S. and Caselli, F., (2012). The Political Economy of the Greek Debt Crisis: A Tale of Two Bailouts Special Paper No. 25. [online] Available at: https://cep.lse.ac.uk/pubs/download/special/cepsp25.pdf [Accessed 25 March 2021]
 
-Ilsole24ore.com, 2018. Il debito greco, una lunga storia di errori. [online] Available at: https://www.ilsole24ore.com/art/il-debito-greco-lunga-storia-errori--AEPQskFF [Accessed 25 March 2021]
 
-Nikos Chrysoloras, 2013. "Rebuilding Eurozone’s Ground Zero. A review of the Greek economic crisis," GreeSE – Hellenic Observatory Papers on Greece and Southeast Europe 66, Hellenic Observatory, LSE.

Show Notes

Pochi giorni dopo le elezioni, Papandreou ricevette la vera eredità lasciatagli dai suoi avi. Non il partito PASOK, ma un segreto.

Un segreto terribile che se rivelato avrebbe distrutto l’immagine del paese.

Papandreou capì allora che le promesse che aveva fatto al popolo greco non sarebbe riuscito a mantenerle. Era solo una questione di tempo, il momento della verità sarebbe presto arrivato.

Quel momento arrivò in Lussemburgo, qualche giorno dopo le elezioni.

Il ministro delle finanze greco si trovava ad una riunione con gli altri membri dell’Eurogruppo. Aveva chiesto la parola e sarebbe stato il prossimo ad intervenire.

Arrivò il suo turno. Si alzò in piedi. Tutti quanti si zittirono. Fece un grosso respiro. Prese il microfono…

...e confessò.

Così comincia la seconda parte della storia della crisi economica greca.
 
Conoscere questa storia aiuta moltissimo a capire certe decisioni che sono state prese in questi mesi dall'Italia e dagli altri paesi europei per affrontare la crisi economica di oggi.
 
La crisi finanziaria della Grecia è stata la prima vera crisi che il blocco europeo ha dovuto affrontare. E si sa, è nei momenti di crisi che il sistema viene messo a nudo. I nodi vengono al pettine, i problemi non possono più essere ignorati, gli anelli deboli si rompono e se non si lavora in fretta, e soprattutto se non si lavora in team, il sistema collassa.
 
Si tratta quindi di un tassello di storia economica da cui l’Europa ha imparato molto: i vantaggi e i limiti della moneta comune, i pro e i contro delle misure di austerità, e ha anche dovuto confrontarsi con le profonde differenze culturali ed economiche dei paesi che la compongono.
 
Alla fine di questa serie di episodi avrete chiari tutti gli avvenimenti che hanno portato al disastro greco del 2010, e le misure che sono state adottate per risolverlo. Questo vi permetterà di capire come funzionano i vari componenti del meccanismo europeo, e di come intervengono nei momenti di difficoltà.
 
Siamo Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci, and the next stop is... Bank Station
 
Crediti:
 
Testo di Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci
 
Voci: Giammarco Miani, Francesco Namari e Gaia Geraci
 
Sound design a cura di Andrea Roccabella
 
Fonti:
 
-Ardagna, S. and Caselli, F., (2012). The Political Economy of the Greek Debt Crisis: A Tale of Two Bailouts Special Paper No. 25. [online] Available at: https://cep.lse.ac.uk/pubs/download/special/cepsp25.pdf [Accessed 25 March 2021]
 
-Ilsole24ore.com, 2018. Il debito greco, una lunga storia di errori. [online] Available at: https://www.ilsole24ore.com/art/il-debito-greco-lunga-storia-errori--AEPQskFF [Accessed 25 March 2021]
 
-Nikos Chrysoloras, 2013. "Rebuilding Eurozone’s Ground Zero. A review of the Greek economic crisis," GreeSE – Hellenic Observatory Papers on Greece and Southeast Europe 66, Hellenic Observatory, LSE.